L'Hip Hop è una disciplina  musicale nata dal filone della musica nera che raggruppa Jazz, Blues, R & B, Reggae e tanti altri che hanno comune radice i canti degli schiavi negri.
Nato negli Stati Uniti, nei bassifondi delle grandi città della costa orientale (New York, Phoenix, Chicago, ecc.) questa musica è stata adottata specialmente da ragazzi di colore che ne  hanno fatto un credo. New York è il fulcro di questo movimento, città conosciuta per essere multietnica.
L'Hip Hop proviene direttamente dalla strada come espressione della protesta giovanile, veniva usato il ballo in sostituzione a risse e combattimenti dove ci si guadagnava il rispetto non più con la violenza ma con la danza.
Non ha  movimenti convulsi ma di intensità crescente che coinvolgono tutto il corpo.
A caratterizzarla è anche la isolation, cioè  la capacità del ballerino di muovere le braccia, gambe e bacino in modo autonomo, imparando a sezionare i singoli gruppi muscolari con la possibilità di acquistare, dopo un certo periodo di allenamento, una spiccata abilità tecnica.


I benefici per il corpo
L'Hip Hop insegna appunto a saper usare varie fasce muscolari, migliorandone il coordinamento. Tonifica addomi, glutei e interno coscia permettendo di allungare e snellire le masse muscolari, senza appesantirle o ingrossarle. Questo perché il ballerino utilizza il corpo in modo naturale, effettuando movimenti anche a terra, senza sovraccaricarlo con i pesi.